Logo

JUNUN + JAMES BLAKE + RADIOHEAD LIVE @ ARENA DEL VISARNO - FIRENZE

17424816 10209972757729430 4202927190321565954 n IMG 1958

IMG 1965 IMG 1967 

Quando annunciarono le date italiane dei Radiohead saltai dalla sedia sognando di poterne fare il live report. Ebbene, ecco quello della data fiorentina! Il treno fa presto ad arrivare a Firenze, il sole ci accoglie benevolo nella lunga traversata dalla stazione all'arena del Visarno, devo ammettere che l'organizzazione all'interno dell'area è stata studiata bene, posso dire il contrario per l'esterno: poca segnaletica che indicasse i vari gate d'entrata, ma tant'è. Dentro si respira un'aria tranquilla, persone di ogni età e da varie parti d'Europa sono accorse per l'evento. Alle 18:40 aprono le danze i Junun, side project di Jonny Greenwood dei Radiohead, manco a dirlo. Coinvolgono poco, personalmente, ma ho avuto modo di sentire pareri discordanti, tuttavia risultano interessanti e convincenti con il loro sound etnico e le sonorità indiane. Sale poi sul palco James Blake, ammetto di non sapere molto su di lui, ma posso dirvi che merita un sacco, sopratutto se apprezzate la musica elettronica. Il mix "elettrico" ed elettronico ci riporta con la mente ai club londinesi di inizio anni '90, dove imperversavano suoni minimali e profondi. Lo spettacolo è assicurato! Il sole inizia a scendere (finalmente) e il palco s'infiamma con la musica dei Radiohead, la band di Oxfordshire è decisamente in tiro e apre la performance con "Daydreaming", tratta dal loro ultimo album, "A moon shaped pool" uscito a maggio 2016, spaziando poi in tutte le loro epoche toccando altissimi livelli con "15 steps", "Lucky", "Everything in its right place", "Paranoid android" e la chiusura in grande stile con "Karma police" cantata dal pubblico in totale visibilio e armonia con la musica. Dalla scaletta mi sarei aspettato una " True love waits" lo ammetto, ma credo di potermi accontentare. Interessanti anche i visual effects, che per una volta non si sono concentrati solo sul frontman. Al di là del tragicomico trafiletto riguardante la (ri)vendita dei biglietti su cui passo oltre, posso dire che è stato un autentico spettacolo, e lo dico da scarso conoscitore della band, ma da persona curiosa di saperne di più su di loro. Live hanno un impatto enorme e sanno coinvolgere il pubblico come quasi nessun altro. Concludo con un ringraziamento speciale a Claudia, senza di lei me ne sarei rimasto in casa!

Scaletta dei Radiohead:

Daydreaming
Desert island disk
Ful stop
Airbag
15 step
Myxomatosis
Lucky
Pyramid song
Everything in its right place
Let down
Bloom
Identikit
Weird fishes/Arpeggi
Idioteque
The Numbers
Exit Music (for a film)
Bodysnatchers

-

You and whose army?
2+2=5
There there
Paranoid android
Street spirit (Fade out)

-

Lotus flower
Fake plastic trees
Karma Police

                                                                                                                                                              Federico Cardinali

© 2009 - 2017 Bandstribe.it di Lorenzo Stentella e Lopopolo Marco - Il sito è ottimizzato per una risoluzione di 1600 x 900 - E' vietata ogni riproduzione non autorizzata del portale.

I cookie ci permettono di offrire i nostri servizi. Continuando con la navigazione, l'utente accetta di utilizzare i cookie.