Logo

ROCKEGGIANDO FEST 2010

 
Il giorno 8 Maggio ad Eggi di Spoleto (PG) si è svolta la kermesse musicale del RocckEGGIando Festival, che riguarda prevalentemente le sonorità hard 'n heavy che richiama band locali e non solo.Il festival ha avuto un discreto successo anche nelle precedenti edizioni, dove il pubblico ha potuto godere di live di gruppi come STORMLORD, SUBLIMINAL CRUSHER, S.R.L., STEEL CROW e molti altri.La differenza sostanziale di questa edizione è che è stata realizzata al coperto (decisione presa a causa del maltempo degli anni passati che ha costretto gli organizzatori ad interromperla) nel PalaEggi.L'ambiente è ottimale come anche l'organizzazione inclusi i piccoli particolari del festival.Puntuali alla scaletta poco dopo le 20:30 aprono il concerto gli "Honos" gruppo Black proveniente dalla vicina Foligno.La band si presenta subito con sonorità molto forti e pezzi molto accattivanti che terranno il pubblico in "tiro" per una buona mezz'ora, proponendo brani del loro album come la canzone "Honos" molto brutale e cantata in modo eccellente.Dopo 30 minuti la band lascia il palco per lasciare la scena ai "Megafuck", gruppo di Spoleto che si presenta con un trash/death molto accattivante.La band è molto particolare caratterizzati da 3 chitarre, riuscendo a gestire il palco in modo molto coinvolgente e soprattutto divertendo il pubblico presente che con il proseguire della serata si è incrementato. I brani della band risultano molto d'impatto e costruiti in modo molto semplici ma diretti. Purtroppo anche loro dopo 30 minuti  lasciano il palco ad un altra band, ossia gli Alias Mundi, che propongono un Prog, decisamente un genere diverso rispetto alle band precedenti.Il gruppo si presenta sin da subito molto abile e professionale proponendo al pubblico un prog derivante dagli anni '70 come Dream Theater e ai Simphony X.I pezzi si presentano molto complessi con forti influenze da parte di ogni singolo componente (un grande groove soprattutto da parte del basista), riuscendo a creare delle sonorità molto dure rispetto al prog classico.Altro elemento importante è il cantante della band, Massimo Evangelisti, che da nuovo vocalist e da ottimo front-man, riesce a coinvolgere il pubblico con la sua voce calda e profonda.Molto particolari sono le parti di chitarra e soprattutto delle tastiere che creano uno splendida atmosfera in tutte le canzoni. Attraverso questa band il pubblico ha raggiunto il massimo coinvolgimento, nonostante le diversità d'impatto musicale rispetto ad altre band molto più dirette e potenti.Purtroppo anche loro per motivi di "programma" saranno costretti a lasciare il palco nel giro di pochi minuti, lasciando la scena ai "Light Silent Death" gruppo Death Melodico proveniente da Terni. La band, già di nostra conoscenza, ha offerto decisamente un ottimo spettacolo, e a nostro parere, con i diversi live intrapresi hanno saputo cavalcare il palco in modo coinvolgente, mandando letteralmente in delirio il pubblico che oramai era carico!La band propone brani come "Electrical Stranded", "Deja Vu"; come ultima canzone la classica cover degli In Flames "Episode 666" che oramai interpretano in modo molto coinvolgente eseguendola molto abilmente.La performance è stata ottima e tutto è stato perfetto, dai volumi alla totale assenza di problemi tecnici, regalando uno spettacolo molto coinvolgente.Breve cambio di palco e fanno il loro ingresso i "Withate", gruppo proveniente da Roma che propone un Trash molto d'impatto.La band si presenta con i pezzi del loro ultimo prodotto musicale e non ; i brani, eseguiti molto bene, sono strutturalmente semplici ma molto d'impatto, grazie anche alla voce accattivante che da un sound potente ai pezzi.Il pubblico, ha gradito la performance della band che ha riscosso molti applausi, ma anche per loro dopo 30 minuti è giunto il momento di lasciare il palco a quelli che sono gli headliner della serata.Fanno il loro ingresso sul palco i "Secret Sphere", band già conosciuta dal nostro staff proveniente da Alessandria proponendo uno dei migliori power della scena italiana attuale.Rientrati di recente da loro tour con i Gamma Ray e dopo innumerevoli palchi solcati non solo in territorio italiano, propongono al pubblico presente i loro ultimi brani estratti sia dal loro ultimo album che da prodotti precedenti. La band dimostra una grande esperienza e soprattutto una familiarità sia con il palco che con i fans accorsi anche da diverse parti del centro italia, riscuotendo degli ottimi consensi.I brani, mai semplici o scontati, sono stati eseguiti in modo impeccabile caratterizzati da assoli di tastiera e di chitarra molto coinvolgenti. Ottima è stata anche la performance del cantane.Nel complesso l'evento è stato gradito da tutti, organizzato in modo molto professionale soprattutto per quello che riguarda la gestione delle luci e dei suoni. Un grazie in particolare va all'organizzatore e a tutte le bands che hanno partecipato a questo festival.

 

Lopopolo Marco

© 2009 - 2017 Bandstribe.it di Lorenzo Stentella e Lopopolo Marco - Il sito è ottimizzato per una risoluzione di 1600 x 900 - E' vietata ogni riproduzione non autorizzata del portale.

I cookie ci permettono di offrire i nostri servizi. Continuando con la navigazione, l'utente accetta di utilizzare i cookie.