Logo

OVERUNIT MACHINE ANTROPOPHOBIA BANDSTRIBE

overunit antrophobia 

Iniziato nel 2000, il progetto Overunit Machine è il risultato della fusione musicale tra gli stili di 6 ragazzi di Pordenone, ciascuno proveniente da esperienze diverse. Il sound della band è definibile come “Cross-over”, anche se le influenze che caratterizzano gli Overunit Machine sono molte, facendo sì che la musica di questo sestetto risulti personale ed originale: ad esempio, l’utilizzo equilibrato dei sampler all’interno dei brani crea atmosfere particolari, che sanno catturare l’interesse dell’ascoltatore.Le canzoni che più mi hanno colpito su questo cd sono “Ten Seconds To…” (ottima la parte introduttiva eclissata, con campionamenti e sampler di fondo), la direttissima “Breathe” (sostenuta da un riff principale solido e d’impatto), “Son Of Shame” (ricca di ottime aperture melodiche), “I Know Who You Are”, piena di cali e di crescendo di dinamica molto interessanti e “Ghosts – 111”, forse il brano più evocativo dell’album, interamente costruito su samples e campionamenti dalle atmosfere cupe ed oniriche.Da un punto di vista grafico, sia l’album che il sito della band ed il myspace sono curati in maniera veramente degna di lode e le immagini usate sono cariche di significato e forti, senza scadere però nel pacchiano (come spesso accade per questo tipo di immaginario).L’esito di questo articolo è quindi positivo ed auguro agli Overunit Machine di continuare a farsi strada proseguendo su questa linea.

Titolo: Antropophobia
Brani: 10 Tracce
Anno: 2009
Produzione: Killer Pool Records
Contatti: http://www.overunitmachine.com/
http://www.myspace.com/overunitmachine

© 2009 - 2017 Bandstribe.it di Lorenzo Stentella e Lopopolo Marco - Il sito è ottimizzato per una risoluzione di 1600 x 900 - E' vietata ogni riproduzione non autorizzata del portale.

I cookie ci permettono di offrire i nostri servizi. Continuando con la navigazione, l'utente accetta di utilizzare i cookie.